Arnold Schwarzenegger dice “Hasta la vista, baby” alle buche e altro ancora

Valuta post
Sundial Installazione Norvegia tunnel pista ciclabile
Un’installazione di meridiane al centro del tunnel per biciclette appositamente costruito più lungo del mondo. Grazie, Norvegia! (Foto: Bybanen Utbygging)

Viene aperto in Norvegia il tunnel ciclabile appositamente costruito “il più lungo del mondo”.

Il tunnel pedonale e ciclabile sotterraneo di Fyllingsdalstunnelen in Norvegia è aperto. Tuttavia, non è solo un tunnel; è un tunnel lungo 1,8 miglia pieno di una varietà di installazioni artistiche, tonnellate di illuminazione e un’intera installazione “meridiana” per mostrare a pedoni e ciclisti l’ora del giorno.

Quest’ultimo tunnel funge da sottoprodotto di un recente tunnel della linea del tram, dove questo tunnel pedonale e ciclabile fornisce anche un’area di evacuazione in caso di problemi con il tram. I funzionari affermano che è abbastanza grande da offrire percorsi separati di 3,5 metri (11,5 piedi) e 2,5 metri (8 piedi) rispettivamente per andare in bicicletta e camminare. Meglio ancora, il tunnel presenta una pavimentazione in gomma per rendere ogni passo un po’ più morbido.

Se sei un residente di Washington che urla allo schermo dicendo: “Questo è vecchio cappello, Snoqualmie Tunnel appena ad est di Seattle è più lungo!” allora avresti ragione. La Norvegia lo definisce il “tunnel ciclabile appositamente costruito” più lungo del mondo, a differenza del tunnel Snoqualmie che era un tunnel ferroviario convertito.

Mi sento come se non potessi andare finché non potrò ripetere il nome cinque volte velocemente, ma mi attengo anche a uno standard operativo incredibilmente alto. Non c’è bisogno che tu faccia lo stesso.

Il memoriale cresce fuori dalla Westlake High School per uno studente ferito a morte
Le fermate degli autobus non dovrebbero essere pericolose. (Foto: Mel Melcon / Los Angeles Times via Getty Images)

Quando aspettare l’autobus su una sedia a rotelle diventa un atto di protesta

Steven Hardy-Braz, un utente su sedia a rotelle di 56 anni a Farmville, Carolina del Nord, stava per essere prenotato nella prigione locale. Perché è stato? È stato citato per “ostacolo intenzionale al traffico”, per il quale un agente di polizia ha dato una multa a Hardy-Braz quando non aveva altra scelta che sedersi in una corsia di guida sulla sua sedia a rotelle per aspettare l’autobus.

Nel suo tentativo di raggiungere la sua prigione locale, Hardy-Braz ha scoperto che il marciapiede non era accessibile per lui per aspettare alla fermata dell’autobus, tanto meno per andare dalla fermata dell’autobus all’autobus stesso. La storia dalle note di Streetsblog USA che la mancanza di infrastrutture accessibili all’ADA nel luogo in cui vive ha fatto sì che gli autisti di autobus lo ignorassero a causa delle rampe degli autobus che non funzionavano con le strade esistenti. Ha anche dovuto usare strade ad alta velocità per spostarsi sulla sua sedia a rotelle.

Colleghiamo questo al ciclismo: quest’uomo, Steven Hardy-Braz, usa una sedia a rotelle per assistenza perché è stato investito da un’auto mentre guidava la sua bicicletta su una strada senza pista ciclabile.

A volte l’Urbanist Update suona come se stessi attaccando l’infrastruttura incentrata sull’auto piuttosto che elevando fantastici esempi di infrastrutture e notizie per il ciclismo. Non commettere errori qui: in questa sezione, sto assolutamente attaccando l’infrastruttura incentrata sull’auto. Distrugge la capacità delle persone che non guidano di spostarsi in sicurezza e, nel caso di Hardy-Braz, ha un impatto fisico e mentale sulle persone.

Scopri anche:   Pedalando tra le bellezze della Lombardia: alla scoperta della regione in sella alla bici Lombardo
Utrecht, nei Paesi Bassi, elencata come la città più biker friendly del mondo
Parcheggi per biciclette al riparo da occhi indiscreti e maltempo si trovano vicino a diverse stazioni ferroviarie nei Paesi Bassi. (Foto: Agenzia Abdullah Asiran/Anadolu via Getty Images)

Come gli olandesi hanno imparato a parcheggiare le biciclette nelle stazioni ferroviarie

Sono sicuro che in un momento o nell’altro tu, caro lettore, hai adulato l’infrastruttura per biciclette trovata nei Paesi Bassi. Piste ciclabili sicure e intuitive e una cultura per trarre vantaggio da tale infrastruttura sono ciò che ogni urbanista alle prime armi sogna quando desidera più infrastrutture per biciclette. Voglio dire, ho persino scoperto un garage per biciclette in un precedente aggiornamento.

Una storia recente da CityLab condivide una breve storia di come i Paesi Bassi hanno costruito la propria rete di parcheggi per biciclette e di come il paese ha ulteriormente incoraggiato la bicicletta. Secondo le ferrovie olandesi, i passeggeri hanno più del doppio delle probabilità di arrivare in bicicletta rispetto a vent’anni fa a causa dell’esteso parcheggio per biciclette. Inoltre, i terreni normalmente lasciati per parcheggiare le aree di biciclette parcheggiate ora sono caratterizzati da parchi e sviluppo ad uso misto.

La battaglia per far uscire più persone dalle loro auto e verso altri mezzi di trasporto non riguarda solo l’abbattimento di alcune piste ciclabili dipinte; si tratta di sentirsi al sicuro usando una bicicletta. Non andrò a fare il pendolare al supermercato se so che la mia bicicletta potrebbe essere rubata, e di certo non ho bisogno di un’officina di riparazione di biciclette in loco o di una guardia di sicurezza per sentirmi abbastanza sicuro da parcheggiare la mia bicicletta.

Davvero, basta rendere il parcheggio per biciclette sicuro e accessibile. Parcheggi per biciclette ben illuminati in aree aperte e ad alto traffico scoraggiano i furti. I solidi armadietti a lungo termine negli snodi di transito fanno molto per alleviare il problema dell’ultimo miglio che la Silicon Valley ha cercato di risolvere con scooter e biciclette senza dock. Semplice come quella.

Bogotà, Colombia, Chapinero Norte Avenida, Carrera 7, gruppo di ciclisti schierati nella pista ciclabile in attesa del traffico
Un semplice esempio di come appare la separazione a livello stradale tra ciclisti e automobili a Bogotà, in Colombia. (Foto: Jeffrey Greenberg/Universal Images Group tramite Getty Images)

Progetto di urbanistica tattica che mette dei dissuasori fatti in casa tra il traffico e le biciclette

Le piste ciclabili dipinte offrono il comfort necessario a coloro che sperano di spostarsi in bicicletta nella propria comunità. E mentre le strisce di corsia aggiungono un po’ di separazione visiva e spazio designato tra conducenti e ciclisti, nulla impedisce a un’auto di cambiare corsia. Cosa c’è da fare al riguardo? Che ne dici di questo esempio di urbanistica tattica in Indiana?

L’urbanistica tattica si basa sull’idea che le comunità investano in infrastrutture a livello di strade, isolati o edifici per rendere la loro città un posto migliore in cui vivere. Di solito consiste in un approccio deliberato con un’infrastruttura semi-temporanea a basso costo che è di natura a basso rischio e su piccola scala.

Più di recente, gli atti di urbanistica tattica sono spesso sostenuti da una città ma realizzati da individui. Questo non è il caso qui. Piuttosto, è stato realizzato dalla Indy Bike Lane Defense nella speranza di aiutare la città a comprendere la necessità di una protezione a lungo termine per le persone che percorrono quella strada in bicicletta.

Scopri anche:   I migliori film sur Bikepacking

Questa storia di Fox59/CBS4 in Indiana è un ottimo esempio di urbanistica tattica. Lì, tre secchi riempiti di cemento per stabilizzare un palo di legno più alto sono stati posizionati subito dopo un incrocio tra una pista ciclabile e la strada. Si tratta di dissuasori a basso impatto che offrono maggiore sicurezza rispetto a semplici strisce dipinte sul terreno.

Sebbene questo esempio non sia stato immediatamente supportato dalla città, un tweet di @indybikelanes mostra che i conducenti hanno ancora trovato la loro strada nella pista ciclabile, mostrando l’importanza di dissuasori e divisori a lungo termine supportati dalla città su quel corridoio.

La parte migliore dell’urbanistica tattica è che chiunque può farlo. Mettiti in gruppo, fai un piano e con un po’ di grinta (e probabilmente qualche secchio da cinque galloni per questo esempio) anche tu puoi dimostrare come il tuo ambiente costruito può essere migliorato.

Schwarzenegger-in sella-a-una-fat-bike-a-Venice-Beach-California
L’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger in sella alla sua bicicletta, preferibilmente senza una buca in vista. (Foto: PHOTOLOGY/immagini GC)

Scioccante! Arnold Schwarzenegger e i ciclisti concordano su qualcosa

La California è brava in molte cose, ma la qualità generale delle strade non è un punto di forza per lo stato. Ex governatore e Jingle fino in fondo la star Arnold Schwarzenegger è stufo delle buche nel suo ricco quartiere di Los Angeles, e quindi sta facendo qualcosa al riguardo: sta terminando quelle buche.

Non è che la California stia seduta con le mani in mano e non ripari le buche. Il Dipartimento dei trasporti della California, o Caltrans, afferma di aver riparato oltre 85.000 buche solo nei primi quattro mesi dell’anno. Quel numero graffia solo la superficie di quanto possano essere povere le strade in California, il che significa che gente come Schwarzenegger esce e dice “Hasta la vista, piccola” alle loro buche.

Sfortunatamente, quella buca non era solo una buca. Ecco cosa un portavoce della città di Los Angeles ha detto alla NBC:

“Questa posizione non è una buca”, ha detto il portavoce. “È una trincea di servizio che si riferisce a lavori attivi e consentiti eseguiti sul posto da SoCal Gas, che prevede che i lavori saranno completati entro la fine di maggio.”

Ok, bene, quindi ora stiamo entrando nella semantica di cosa significa una buca. Grazie, Città di Los Angeles! La scarsa etichetta edilizia si verifica continuamente, con corsie di viaggio regolarmente bloccate, marciapiedi chiusi senza alternative e molto altro ancora. Ma non c’è modo che la soluzione migliore sia lasciare tutto ciò che è là fuori che impedisce viaggi sicuri e ragionevoli per le persone che camminano, vanno in bicicletta o guidano.

Lascia che sia Schwarzenegger a sistemarlo, suppongo. E in base a quanto è stato accolto calorosamente il suo video, si può essere certi che se ci saranno più buche, sarà il primo a dire: “Tornerò”.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *