Pro Cycling Manager 2022: test e recensione

Valuta post

L’uscita di Pro Cycling Manager è sempre un evento per gli appassionati di ciclismo. Cosa c’è dietro il nuovo Mostro di Cyanide e Nacon? PCM sta passando al livello superiore?

Questa recensione sarà divisa in 3 punti: le nuove funzionalità, i contenuti e il gameplay.

Cosa c’è di nuovo in Pro Cycling Manager 2022:

Partiamo dall’inizio. Se l’interfaccia rimane invariata, alcune pagine sono state ridisegnate, come la pagina dei ciclisti. Finalmente abbiamo vittorie in carriera, obiettivi, caratteristiche e molto altro ancora sulla stessa pagina. Molte informazioni. Questo aggiunge una piccola sfida per avere il ciclista di maggior successo.

Per quanto riguarda la pianificazione, è stata migliorata la gestione dell’IA e del giocatore. Il limite di un obiettivo per trimestre è stato abolito. Ora c’è molta più libertà. Un altro punto che è stato evidenziato e che va nella continuità del precedente, la gestione dei moduli è molto migliore. Niente più leader con il 75% di forma a settembre. Questo ovviamente aumenta la sfida e la Vuelta è più difficile da vincere rispetto al passato.

I ciclisti hanno anche una nuova valutazione complessiva in stelle. Pogacar avrà il massimo, mentre un pilota meno prestigioso e meno quotato avrà meno. Questo è logico. Questo sistema a stelle si applica anche al potenziale, proprio come il vecchio PCM. Stella gialla per il livello attuale e blu per il margine di progressione.

Infine, è stata fatta una revisione totale del settore giovanile. È una novità e Pro Cycling Manager ne aveva bisogno per andare avanti. Gli esploratori sono a tua disposizione per esplorare territori più o meno ricchi di talenti, alla ricerca della perla rara. I tuoi scout, come in Football Manager, avranno un livello di conoscenza della regione che potrà essere migliorato nel tempo. Puoi anche creare una squadra U23, che parteciperà alle gare del calendario giovanile. Puoi seguire i risultati e i loro progressi. Per quanto riguarda il reclutamento, i corridori saranno più giovani, per corrispondere meglio alla nuova tendenza, il giovanilismo del gruppo. I giovani corridori potranno, tra gli juniores e gli U23 (dopo essere stati reclutati in una squadra U23), evolvere nel loro potenziale, il che consente una maggiore incertezza come nella realtà. Va notato che saranno molto più versatili, sempre per stare al passo con il ciclismo moderno.

Scopri anche:   Ciclismo estivo: i migliori consigli per pedalare sotto il sole

Si tratta di un miglioramento molto piacevole che ha chiaramente un effetto. Ci dedicherai molto più tempo.

Contenuti:

Non ci sono grandi cambiamenti sul fronte dei contenuti. Le modalità carriera e ciclista professionista sono ancora presenti. Pochi o nessun cambiamento sul fronte dei ciclisti professionisti. L’interesse, per la novità, verrà soprattutto dalla modalità carriera.

Gli obiettivi di carriera del team sono ancora piuttosto folli. Dai un’occhiata agli obiettivi di Cofidis qui sotto:

  • top 5 alla Vuelta
  • top 3 alla Parigi-Nizza
  • top 5 a La Flèche.

Non ci sono stati grossi miglioramenti nemmeno per quanto riguarda le finanze. La gestione rimane molto semplicistica e speriamo che in futuro questa parte del gioco venga sviluppata maggiormente per avvicinarsi ad esempio a Football Manager, che è chiaramente l’esempio da seguire.

Inoltre, sono stati aggiunti i campionati europei alla lunga lista di gare giocabili e questo è un piacere. Fino ad ora era una vera e propria mancanza. Lo stesso vale per la maglia di campione europeo.

Infine, la simulazione, che svolge un ruolo importante nelle stagioni di Pro Cycling Manager, è stata rivista. I distacchi sono molto più realistici e soprattutto la vittoria di Arnaud Démare in cima all’Alpe d’Huez in una fuga è finita. Phew.

Game play:

La domanda principale era: le nuove funzionalità in termini di gare offensive sono reali? La risposta è sì. Prendiamo l’esempio della Liegi-Bastogne-Liegi, dove è stata lanciata una seria mossa di gara a 40 km dall’arrivo. Se non è arrivato fino in fondo, ha avuto il merito di animare la gara.

Un’altra novità, la gestione della freschezza e della resistenza nel gioco del Tour de France, è stata implementata sul PCM. Notiamo la barra gialla scura dell’energia al momento T e la barra gialla più trasparente dietro, che rappresenta il livello che il corridore può trovare se la gara si calma o se inizia una discesa. Si tratta di un’aggiunta gradita che gioca un ruolo importante alla fine del Tour de France, per esempio, quando la freschezza entra in gioco. Lo stesso vale per la resistenza, che ora è molto più importante, come promesso. È proprio questo che permette a corridori come Van der Poel, con punteggi incredibili, di resistere da soli contro il gruppo.

Scopri anche:   Pedalare con stile: la guida definitiva all'acquisto di abbigliamento tecnico per ciclisti

In montagna, come nel Tour de France, la scrematura è abbastanza buona e di conseguenza a volte si hanno grandi distacchi in montagna. Ma è meglio che avere un gruppo di 20 corridori che sprintano ogni chilometro.

Insomma, se le aggiunte non sono numerose, sono comunque interessanti e ci permettono di continuare a migliorare il gioco. La strada da percorrere è ancora lunga, ma a poco a poco ci stiamo avvicinando.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *