Tutto quello che devi sapere sui costi di trasporto a carico del datore di lavoro!

Valuta post

Vuoi sapere se il tuo datore di lavoro deve o meno coprire i tuoi costi di trasporto? E ancora di più se hai appena iniziato a pedalare? Ti rispondiamo in questo articolo su cosa dice la legge e cosa sei tenuto a fare.

Il rimborso delle spese di trasporto da parte del datore di lavoro è obbligatorio?

Secondo il codice del lavoro, tutti i datori di lavoro devono sostenere una parte del prezzo “biglietti di abbonamento sottoscritti dai dipendenti per gli spostamenti casa/lavoro, siano essi mezzi pubblici o servizi pubblici di noleggio biciclette”. Ciò significa che se utilizzi i mezzi pubblici o noleggi una bicicletta tramite un servizio pubblico per recarti al lavoro, il tuo datore di lavoro è tenuto a contribuire finanziariamente. Spesso si concorda che il tuo datore di lavoro partecipi alla copertura dei tuoi costi di trasporto fino al 50% del loro prezzo sui trasporti pubblici. Anche se molte aziende sono allineate al calcolo del rimborso delle spese di trasporto, è del tutto possibile che questo sostegno sia più elevato.

La legge obbliga quindi i datori di lavoro a sostenere i propri dipendenti negli spostamenti casa-lavoro contribuendo alle spese di trasporto. Questa misura mira a incoraggiare l’uso del trasporto pubblico e dei modi di trasporto ecologici, nonché a facilitare l’accesso al lavoro per i dipendenti. Si precisa che tale obbligo di legge non si applica agli spostamenti a piedi, in auto o in moto, a meno che il datore di lavoro non decida di farlo su base facoltativa.

Quali mezzi di trasporto possono dar luogo a copertura facoltativa da parte del datore di lavoro?

Il datore di lavoro può anche decidere di indennizzare tutti o parte dei propri dipendenti tramite un bonus trasporti o un’indennità chilometrica. Questa decisione è una questione di politica interna e può variare da azienda a azienda.

Il bonus trasporti è una somma di denaro corrisposta ai dipendenti per compensare parte dei loro costi di trasporto. Può essere concesso indipendentemente dalla soluzione di mobilità utilizzata, sia essa trasporto pubblico, bicicletta, car pooling o qualsiasi altro mezzo di trasporto. Le condizioni e gli importi di questo bonus sono determinati dal datore di lavoro. (scopri di più sulla gestione delle note spese aziendali)

L’indennità chilometrica, invece, riguarda gli spostamenti in auto o in moto. Il datore di lavoro può decidere il rimborso delle spese di trasporto sostenute dal dipendente in funzione del numero di chilometri percorsi. L’importo dell’indennità chilometrica è generalmente stabilito dal datore di lavoro in base alla tariffa fiscale in vigore.

È importante fare riferimento alla politica della tua azienda e consultare i contratti collettivi o il tuo contratto di lavoro per conoscere i termini precisi e il calcolo del rimborso delle tue spese di trasporto da parte del tuo datore di lavoro.

A cosa corrisponde il pacchetto mobilità sostenibile?

Dal 10 maggio 2020 i datori di lavoro possono coprire le spese di viaggio dei dipendenti che si recano al lavoro con i seguenti mezzi di trasporto: bicicletta con o senza assistenza, carpooling, trasporto pubblico, motorino, altri servizi di mobilità condivisa. Questa misura si chiama “pacchetto mobilità sostenibile”. Fa parte di una logica di accompagnamento della popolazione al lavoro con mezzi di trasporto ecologici. Lo Stato è anche su iniziativa di un sussidio fino a 500 euro sul costo di acquisto di una bicicletta elettrica.

L’importo del pacchetto mobilità sostenibile dipende dal tuo settore di attività: pubblico o privato. Il suo importo è fissato in un massimo di 300 euro annui e per dipendente del pubblico, a condizione che quest’ultimo viaggi almeno 100 giorni all’anno. Nel settore privato, questo importo può arrivare fino a 800 euro all’anno. In entrambi i casi è esente da oneri sociali e imposte sul reddito, il che lo rende appetibile sia per il datore di lavoro che per il lavoratore. Tuttavia, è importante notare che il datore di lavoro non è obbligato a offrire questo pacchetto e che la sua attuazione dipende dalla sua volontà.

Questo pacchetto può essere utilizzato per rimborsare i costi associati all’uso della bicicletta personale, inclusi i costi di manutenzione, assicurazione e acquisto di attrezzature di sicurezza. Può essere utilizzato anche per il rimborso delle spese di trasporto legate al car pooling, come il costo del gas o i pedaggi. Inoltre, può essere abbinato alle spese relative al trasporto pubblico, come l’abbonamento mensile o settimanale. Ad esempio, se un dipendente utilizza la bicicletta per recarsi al lavoro e usufruisce già di un’indennità chilometrica, può richiedere anche il pacchetto di mobilità sostenibile per coprire altre spese legate all’utilizzo della bicicletta.

Per beneficiare del pacchetto di mobilità sostenibile, il dipendente deve fornire la prova delle proprie spese di trasporto o dell’acquisto di una bicicletta. Questi possono essere fatture, biglietti di trasporto o qualsiasi altro documento comprovante l’utilizzo dei modi di trasporto ammissibili.

Il datore di lavoro ha l’obbligo legale di coprire parte dei costi di trasporto dei dipendenti per gli spostamenti casa-lavoro utilizzando i mezzi pubblici o i servizi pubblici di noleggio biciclette. Tuttavia, può anche decidere di partecipare alle spese di trasporto personale dei propri dipendenti in via facoltativa, istituendo un premio di trasporto o un’indennità chilometrica. Ti basterà verificare con il tuo datore di lavoro se hai diritto al rimborso delle spese di trasporto e al pacchetto mobilità sostenibile da parte di quest’ultimo.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *