La vita nel nulla: dentro gli alti dell’allenamento, i bassi della noia e i legami sociali di un campo in quota del WorldTour

Valuta post

Per l’élite del WorldTour, quando non sei in sella, probabilmente vivi nel nulla.

Jan Tratnik ha trascorso 45 giorni sul Teide negli ultimi tre mesi.

I rivali del Giro d’Italia Remco Evenepoel e Primož Roglič stavano condividendo cenni d’intesa sui tavoli della colazione in alta quota nell’hotel Parador di Tenerife prima che il belga scendesse per decimare Liegi-Bastogne-Liegi.

E quando corridori come Evenepoel, Mathieu van der Poel e Tadej Pogačar non stanno pedalando su e giù per i fianchi del Teide, della Sierra Nevada o delle alte Alpi, usano camere ad altitudine ipossica in hotel specializzati.

“Sembra che ci sia una corsa sul Teide in questo momento. Quando siamo arrivati, c’erano Astana, Eolo-Kometa, Bahrain-Victorious, Jumbo-Visma tutti lì”, ha detto l’allenatore di Soudal Quick-Step Vasilis Anastopoulos VeloNews poco dopo aver lasciato il gigantesco vulcano.

“L’intero hotel era composto da ciclisti professionisti che si preparavano per le corse.”

Leggi anche:

Dopo che il Team Sky ha stabilito la tendenza all’inizio dello scorso decennio, i campi in quota sono diventati una routine per qualsiasi squadra di professionisti con grandi soldi e grandi ambizioni.

Dall’aumento del VO2 max e dalla riduzione della frequenza cardiaca, all’aumento della produzione naturale di globuli rossi e oltre, la vita nel nulla è il potenziatore naturale delle prestazioni che si trova in alto nel cielo.

È così fisiologicamente efficace che le squadre tagliano sempre più le gare più piccole dal loro calendario a favore del tempo in cima a uno sperone roccioso arido.

“Ci aspettiamo notevoli miglioramenti delle prestazioni da tutti i nostri corridori in quota”, ha detto Anastopoulos in una recente chiamata.

“È impossibile fornire una percentuale, ma se il campo di addestramento viene svolto correttamente, alcuni ciclisti potrebbero raggiungere un aumento di potenza vicino al cinque percento dopo un blocco di altitudine”.

In un gruppo costantemente alla ricerca dell’ultimo mezzo percento, un potenziale guadagno di soglia di 15-20 W è polvere d’oro pronta per essere estratta dai fianchi delle vette più alte d’Europa.

“Devi fare l’altitudine giusta per farlo funzionare davvero”

I team WorldTour inviano una serie di membri dello staff, veicoli e ricambi per supportare i ciclisti nei campi in quota. (Foto: Luc Claessen/Getty Images)

Evenepoel ei suoi compagni di squadra hanno trascorso tre settimane sul Teide sotto la sorveglianza dell’allenatore Anastopoulos prima che il campione del mondo conquistasse il suo secondo titolo Liegi-Bastogne-Liegi.

Allo stesso modo, Roglič e tutta la sua squadra di supporto al Giro d’Italia hanno trascorso la maggior parte di questo mese in cima al vulcano arido di Tenerife mentre si preparano alla battaglia con il giovane belga.

Roglič ha detto che questa settimana ha accumulato ben sette settimane vivendo l’idillio monastico in quota in preparazione per la sua spinta alla “corsa rosa”.

“Siamo in tanti quassù: Primož, tutta la squadra del Giro, più un corridore di riserva. E poi dallo staff, abbiamo sempre uno o due DS, almeno un soigneur, un meccanico e un osteopata”, ha detto Sepp Kuss, montanaro di Jumbo-Visma. VeloNews in una telefonata all’hotel Parador.

“La squadra fa in modo che abbiamo praticamente tutto ciò di cui abbiamo bisogno: i ritiri di addestramento sono una parte enorme della stagione per noi”.

I campi in altitudine sono un problema sempre più importante nel WorldTour, tanto che il team Jumbo-Visma di Kuss ha prenotazioni in blocco sul Parador.

E ora che l’intero gruppo di professionisti è impegnato nell’atto dell’altitudine, c’è una crescente pressione per raccogliere ogni ricompensa dall’ambiente ipossico dell’altitudine o rischiare di rimanere indietro.

“Sappiamo che l’altitudine funziona, ecco perché ci concentriamo sempre di più. Ma devi farlo bene per farlo funzionare davvero “, ha detto Anastopoulos. “Stiamo imparando sempre di più come farlo.”

Al centro di ogni campo in quota c’è la filosofia “vivi in ​​alto, allenati in basso”.

Porta i benefici fisiologici di vivere e dormire in un ambiente ipossico, consentendo ai ciclisti di completare le loro sessioni di allenamento in aria ricca di ossigeno.

Scopri anche:   Ciclismo a calendario: la guida definitiva per gli amanti delle due ruote

“Restiamo al Parador, ma la maggior parte degli intervalli viene eseguita vicino al livello del mare, ad eccezione di alcuni specifici per il grand tour in alta montagna”, ha detto Anastopoulos.

“Non puoi produrre la stessa potenza in alto. Inoltre, se fai molti intervalli al di sopra di una certa altitudine, sottoporrai solo un livello pericoloso di stress al sistema cardiovascolare. Questo può essere pericoloso.

‘Non c’è una regola che funzioni per tutti in quota. Devi gestirlo’

La travolgente cavalcata di Evenepoel a Liegi è arrivata appena due giorni dopo la sua discesa dal Teide. (Foto: JASPER JACOBS/Belga/AFP via Getty Images)

L’altitudine sta diventando un’arte sempre più sofisticata.

Prove, errori e sviluppo della scienza dello sport hanno visto allenatori e fisiologi perfezionare ogni anno il loro approccio ai campi in cui c’è tanto da guadagnare quanto da perdere.

“Non c’è una regola che funzioni per tutti in quota, sono tutti diversi. E devi gestirlo”, ha detto Anastopoulos di Quick-Step.

I ciclisti di qualsiasi squadra condivideranno una routine sostanzialmente simile durante la tipica durata di tre settimane di un blocco di altitudine.

I primi giorni vedono i ciclisti pedalare facilmente per consentire al sistema di adattarsi al basso contenuto di ossigeno dell’aria a oltre 2.000 metri.

Segue una base di allenamento ad alto volume e bassa intensità prima che la glassa venga aggiunta alla forma da corsa nell’ultima settimana con la soglia del burst polmonare e gli intervalli VO2 max.

Un tipico campo in quota vedrà i corridori completamente acclimatati passare attraverso un’accademia di finitura a 360 gradi che include allenamenti TT, sessioni di forza e condizionamento e sforzi di simulazione di gara.

Ottieni il programma di altitudine giusto, ottieni un enorme impulso fisiologico.

Se sbagli, i ciclisti possono sovrallenarsi, diventare inclini alla malattia e perdere massa muscolare.

“Devi stare molto attento a quello che stai facendo lassù”, ha detto Anastopoulos. “Bisogna prestare molta attenzione alla fase di adattamento nei primi giorni.

“Ho visto alcuni ragazzi andare lassù e poi fare corse di sei, sette ore immediatamente con molti sforzi e intervalli. Ciò che può portare a un risultato negativo davvero pessimo, può bruciarli totalmente.

La paura di sovraccaricare i corridori troppo presto nel faticoso ambiente ipossico li vede sottoporsi a batterie di test di saturazione del sangue e controlli fisici per garantire che il loro sistema sia a livello.

Allo stesso modo, qualsiasi ciclista che ha bisogno di perdere peso ha la propria dieta micro-gestita dai nutrizionisti per ridurre al minimo lo sforzo su un metabolismo già sovraccarico.

“Andiamo in quota da molto tempo e penso che siamo vicini a trovare ogni volta una formula vincente”, ha detto il direttore delle prestazioni di Jumbo-Visma Mathieu Heijboer VeloNews.

“Per essere in grado di convincere i corridori a esibirsi ai massimi livelli, possiamo avvicinarci molto solo con l’allenamento in quota. Fisiologicamente, abbiamo tutti gli strumenti e gli allenamenti in mano”.

Raccogliere i frutti dell’altitudine è diventata una scienza così sofisticata che persino scendere al livello del mare è complesso.

Alcuni ciclisti si lamentano di sentirsi “bloccati” fino a 10 giorni mentre la loro ossigenazione del sangue si ripristina al ritorno dall’alto. Eppure, per ogni adattatore lento, c’è un corridore come Evenepoel, che ha trascorso solo 48 ore al livello del mare prima di guidare il gruppo fuori dalla sua ruota alla Liegi-Bastogne-Liegi.

I membri dello staff usano l’esperienza di ogni individuo per trovare il tempismo che massimizza l’aumento delle prestazioni a breve termine dell’altitudine senza il rischio di mandarli su una linea di partenza bloccata in seconda marcia.

“Ognuno impiega una diversa quantità di tempo per adattarsi di nuovo quando scende al livello del mare”, ha detto Kuss.

“Potrebbe accadere a un livello più fisiologico, con quello che sta succedendo con i tuoi globuli rossi o, o potrebbe essere qualcosa di semplice come stai facendo così tante arrampicate al campo di addestramento che perdi quella velocità della gamba, o solo quella il tuo corpo ha bisogno di un po ‘più di tempo per assorbire tutto ed essere di nuovo fresco.

“La parte psicologica è importante tanto quanto quella fisiologica”

Roglič e Kuss hanno corso insieme già decine di volte. Ma un campo in quota offre il tempo per legare i nuovi membri del team o i debuttanti del grande tour. (Foto: Immagini Gruber / VN)

Che ai ciclisti piaccia o no, non ci sono molte distrazioni quando vivono nelle stazioni sciistiche isolate e negli hotel turistici che ospitano durante i campi in quota.

Scopri anche:   Scopri la bellezza di Torino in sella alla tua bici: itinerari, curiosità e tanto divertimento!

Il Parador è solo uno di una mezza dozzina di edifici in cima alla cima del Teide simile a un cratere, e le città alpine come Tignes e Livigno sono desolate durante la bassa stagione sciistica.

Per molti, quell’isolamento è un vantaggio.

“Molti ragazzi hanno famiglia e figli a casa, o altri obblighi che richiedono tempo e attenzione al loro allenamento o recupero”, ha detto Kuss.

“Quindi, quando arrivano in un campo in quota dove non c’è molto da fare se non allenarsi e recuperare, possono davvero salire di livello che potrebbero non essere in grado di fare a casa”.

Al momento di parlare con VeloNews, Kuss aveva scalato due intere settimane sul Teide. Finora il 28enne aveva accumulato più di 2.100 km di distanza e 47.000 m di dislivello. Ha ancora molte pedalate da fare prima di tornare a casa.

La corsa di quattro ore di quel giorno è stata una relativa barella per le gambe in un campo Jumbo-Visma pieno di più di sei ore al giorno che offrono fino a 180 km e 5.000 m di dislivello.

E quei numeri non sono un’anomalia. Evenepoel ei suoi compagni di squadra Liegi-Giro hanno attraversato settimane consecutive di 30 ore mentre vivevano al Parador.

Ma c’è molto di più in un campo in quota rispetto all’allenamento.

Gli otto o nove corridori selezionati per un grande tour o un monumento si dirigono in quota come uno in quello che diventa un esperimento sociale in alto nel cielo.

“La parte psicologica è importante tanto quanto quella fisiologica, credo”, ha detto Anastopoulos, membro dello staff di Quick-Step.

“Con quest’ultimo campo, abbiamo voluto riunire preventivamente tutto il gruppo del Giro per vedere come si comportano, per avvicinarli, per stare insieme e socializzare”.

I membri dello staff sperano che il tempo condiviso su tavoli da pranzo, pause caffè e sessioni in palestra trasformino in realtà i loro hashtag “branco di lupi”, “samen winnen” e “banda di fratelli”.

Evenepoel è stato accompagnato sul Teide dal nucleo della squadra che lo ha portato alla vittoria a Liegi e che lavorerà ancora per lui nelle tre settimane del Giro d’Italia.

“Speriamo che creino un nuovo gruppo di amici e sviluppino una buona atmosfera prima di andare al Giro”, ha detto Anastopoulos di Evenepoel e del suo gruppo di scalatori.

“Devono essere ben collegati prima di una gara, o potremmo prendere in considerazione la possibilità di sostituirli. Se i piloti sono amici, crediamo che lavoreranno meglio l’uno per l’altro”.

‘Assapori quei momenti in cui non è tutto vai, vai, vai’

I corridori del Grand Tour apprezzano l’allenamento prima di quattro settimane di programmi completi sulla strada. (Foto: James Startt)

Ma non è che un campo in quota implichi un programma 24 ore su 24, 7 giorni su 7, di attività di team building degne di rabbia e “divertimento” forzato.

Dopo un’intera giornata di pasti condivisi e allenamento in bici e non, il tempo con calze a compressione e laptop sui letti dell’hotel è sacro.

“Fortunatamente c’era molto ciclismo in televisione, e poi ci sono cose standard come guardare serie, partite di calcio, ascoltare musica”, ha detto Evenepoel quando gli è stato chiesto come ha evitato la monotonia della vita sul Teide.

“Alla fine superi i giorni.”

E quando alcuni corridori trascorrono meno di una settimana a casa tra la discesa dall’altitudine e l’imballaggio per un grande giro, un po’ di noia può essere una benedizione.

“Quando sai che sta arrivando una gara e sarai in viaggio per settimane, assapori quei momenti in cui non è tutto vai, vai, vai”, ha detto Kuss.

“Passi un sacco di tempo ad ammazzare il tempo aspettando il prossimo pasto… ma impari a farne tesoro.”

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *