Roy Knickman non ha rimpianti

Valuta post

Quando il Lux Cycling Development Team ha cessato le attività alla fine della stagione 2022, il direttore generale e allenatore di lunga data Roy Knickman ha espresso sentimenti di tristezza e soddisfazione. “Non potrei essere più orgoglioso di ciò che siamo riusciti a realizzare in questi ultimi anni”, ha detto a proposito del suo lavoro con la migliore squadra under 19 del paese. “I nostri sforzi hanno aiutato a portare un gruppo completamente nuovo di giovani atleti al WorldTour e alle migliori squadre U23”. In effetti, tre degli americani che hanno corso al Tour de France dello scorso anno sono passati attraverso il programma Lux Cycling: Brandon McNulty, Quinn Simmons e Kevin Vermaerke.

Knickman non ha avviato Lux Cycling, ma nel terzo anno di esistenza del programma, 2014, era chiaro che era l’uomo migliore per dirigere la squadra con sede nel sud della California. Knickman è diventato professionista dopo aver conquistato una medaglia di bronzo nella cronometro a squadre olimpica del 1984, e in una carriera professionale decennale ha corso con squadre come La Vie Claire, 7-Eleven e Coors Light, vincendo tappe al Critérium du Dauphiné e Tour di Svizzera. Dopo essersi definitivamente ritirato nel 2000, ha allenato la squadra nazionale juniores degli Stati Uniti, nonché le squadre nazionali e olimpiche degli Stati Uniti, e successivamente ha lavorato nella gestione della squadra con le squadre nazionali Mercury Cycling, Autotrader.com e Prime Alliance.

Knickman non ha avviato Lux Cycling, ma nel terzo anno di esistenza del programma, 2014, era chiaro che era l’uomo migliore per dirigere la squadra con sede nel sud della California. Foto: per gentile concessione di Roy Knickman.

L’esperienza di Knickman nel lavorare con i giovani corridori si è rivelata preziosa per Lux Cycling. “Ci sono diversi livelli di sviluppo e il mio set di abilità era per un livello di sviluppo più elevato”, ha detto in una recente intervista. “Ad esempio, potrei usare le mie connessioni europee per farci partecipare alle gare. Anche [important was] riuscire a trovare questo talento, portarli ad alcune gare ciclistiche [and] insegnare loro ciò che è importante. È molto importante il modo in cui tratti un giovane atleta e gli fai superare i momenti difficili. Mi è davvero piaciuto farlo.

“Non potrei essere più orgoglioso di ciò che siamo riusciti a realizzare in questi ultimi anni.”

Sotto la sua guida, Lux Cycling ha apportato importanti cambiamenti. “Ho capito rapidamente cosa era necessario per svilupparsi a un livello superiore e che era più tempo in Europa”, ha detto Knickman. “Ha portato ad alcune realizzazioni che per farlo bene avrei dovuto esaminare l’intero paese, cosa che all’inizio ero contraria perché volevo che ci fosse un gruppo che potesse allenarsi insieme. Ma la realtà è che se hai intenzione di andare in Europa, cosa che dovevamo fare, non puoi portare sei bambini dalla tua città e aspettarti che riescano a finire”.

Uno dei primi motociclisti fuori dallo stato che Knickman scelse fu McNulty, un arizona. “Ho potuto vedere questo enorme potenziale non sfruttato. Si è presentato al campo senza bicicletta. Penso che abbia portato la sua ruota del misuratore di potenza. È sceso dall’aereo ed è salito su una bicicletta. Abbiamo fatto una breve cronometro di 8 miglia ed era 20 watt più alto rispetto a quando è arrivato secondo [junior] cittadini a Gage Hecht.

La capacità di Knickman di multitasking è stata fondamentale per trovare il talento necessario per gli obiettivi di Lux Cycling. “È una combinazione di cose perché penso che qualcuno possa arrivare al WorldTour per motivi diversi”, ha spiegato. “Uno di questi è quanto è grande il motore? Cosa stiamo vedendo nei corridori, non necessariamente vittorie ma nel modo in cui corrono? Lo stile che guidano. Quanto cavalcano. Quanto bene si allenano? Ma alcuni dei bambini non sono bambini dai grandi numeri. E sono davvero, davvero bravi. Quindi l’altro lato è qual è la loro mentalità? Quanto sono forti mentalmente? Quanto lavorano duramente?”

“Ho capito rapidamente cosa era necessario per svilupparsi a un livello superiore e quello era più tempo in Europa”.

“In parte è ciò che non hanno”, ha aggiunto Knickman. “Il ragazzo che è arrivato quarto ai nazionali che non aveva un allenatore, aveva un equipaggiamento di merda, è arrivato a malapena alle gare, contro un ragazzo che aveva tutto e ha vinto. Posso fare così tanto con questo ragazzo che non aveva niente. Gli dai un programma di gara. Gli dai l’attrezzatura. Gli dai un allenatore che sa il fatto loro e poi un regista che crede in loro e insegna loro a credere in se stessi. Ci sono quattro diversi punti in cui vedrai un grande miglioramento rispetto al ragazzo che è già lucido.

“E c’erano occasioni in cui un ragazzo lucido chiedeva di entrare nella squadra, ma il più delle volte prendevamo ragazzi che non erano quelli che vincevano. Devi guardarlo in molti modi diversi ed essere pronto a sbagliare ed essere sorpreso. Abbiamo inserito dei ragazzi nella squadra perché sapevamo che erano dei bravi ragazzi e venivano consigliati, ma non sei sicuro che abbiano il motore o la mentalità per farlo a quel livello e continuano a migliorare.

Roy ha spiegato una delle sue principali politiche di reclutamento: “C’era una porta aperta per le persone che erano più orientate allo sviluppo per chiamarmi e fare una raccomandazione perché ero realistico nel dire che non sono ovunque e non riesco a vedere tutto— e sicuramente non onnisciente.

Knickman si è affidato agli allenatori di tutto il paese per identificare i talenti. Foto: per gentile concessione di Roy Knickman.

“Non sapevo chi fosse Quinn Simmons. Ned Overend mi ha inviato un’e-mail e mi ha detto che c’è questo ragazzo a Durango che devi mettere nella tua squadra “, ha ricordato Knickman. “Quindi, ho chiamato Ned e gli ho parlato di questo e gli ho detto che la squadra era al completo. Ned era come ‘Amico, devi metterlo nella tua squadra.’

«Ho chiamato Quinn. Era super motivato, quindi ho aggiunto un posto nella squadra e gli ho detto che potevo portarlo a Valley of the Sun [stage race in Arizona] e poche altre razze; e va a Valley of the Sun e vince. Due mesi dopo è arrivato terzo nella Gand-Wevelgem junior dopo aver disputato due gare su strada nella sua vita!”

Leggi anche: Vuelta a San Juan S3: Quinn Simmons sorprende i velocisti

Ascoltare le altre persone e fidarsi di loro si è rivelata un’ottima politica per Knickman e il suo team. “C’erano un certo numero di ragazzi così”, ha detto, “dove un allenatore ha detto: ‘Ecco mio figlio. È tutto ciò che io o il nostro team possiamo fare. Lui o lei è pronto per quello che stai facendo. Date loro un’occhiata.’ Ed è così che abbiamo avuto un certo numero di nostri figli.

Knickman ha guardato alle sue radici quando ha deciso come avrebbe supportato i corridori della squadra. “Tutta la mia cosa era ‘tutti mi hanno sostenuto da junior'”, ha detto, riferendosi ai suoi primi direttori di squadre amatoriali, Doug Knox di Santa Barbara BC-Centurion e Michael Fatka di Levi’s-Raleigh. “Mi sono fatto pagare tutto il viaggio. Sono sempre stato supportato.

“Penso che il più grande pareggio per il [Lux Cycling] kids era che avrebbero avuto la possibilità di andare in Europa. Avevamo stabilito di prenderci cura dei bambini, ma la maggior parte è rimasta sorpresa quando abbiamo pagato tutti i biglietti aerei. Abbiamo pagato tutto il cibo. Stavamo per fornirti le bici da usare e se lasci il team e non hai davvero nulla con cui continuare, ti daremo il [bikes] a te. Abbiamo provato a fare tutto come una squadra di professionisti perché non volevo escludere nessuno perché non aveva soldi”.

Knickman voleva che il programma fosse un’immersione totale nelle corse europee. “Andare in Europa per due settimane e mezzo è un viaggio in un campo estivo”, ha detto. “È un’esperienza davvero interessante, ma non ti darà l’adattamento di cui hai bisogno. Non verrai invitato in una squadra U23 perché hai imparato a correre con la bici per un paio di settimane in Europa.

“Abbiamo cercato di fare tutto come una squadra di professionisti perché non volevo escludere nessuno perché non aveva soldi”.

“Ho scoperto che tra le otto e le dieci corse a tappe all’anno in Europa era il minimo per avere un adattamento e uno sviluppo efficaci e far riconoscere questi ragazzi. E questo è costoso quando provi a farlo in Europa e stai provando a farlo negli Stati Uniti, trovando gare di livello superiore e quando le gareggi di categoria superiore perché lo standard dei giovani europei [is so high]. Le Terre Rosse [Classic] La Pro 1-2 è una gara junior facile e di medio livello in Europa”.

Avere un programma europeo così vasto costava denaro e ciò significava che la sponsorizzazione era fondamentale per Lux Cycling. “È stato costruire un budget e provare a metterlo insieme”, ha continuato Knickman. “Tutti pensavano che avessimo un sacco di soldi e tutti questi grandi sponsor, e sebbene avessimo persone e sponsor fantastici coinvolti, non avevamo mai abbastanza soldi. Raccoglievo sempre fondi. Avevamo persone chiave [donors] e talvolta è stato trovato denaro. Len Pettyjohn [the former general manager of Coors Light and other elite teams] è venuto da me quattro anni fa e mi ha detto: “Dovremmo rimettere i soldi nello sport e vorrei creare una sovvenzione per aiutarti”.

“Il nostro title sponsor, Sideshow [maker of Lux toys], farebbe aste e altre cose del genere per darci biglietti aerei da miglia frequent flyer “, ha aggiunto Knickman. “Il loro coinvolgimento è stato più infrastrutturale, facendoci sembrare belli come darmi un ragazzo del web e aiutarmi con esplosioni di e-mail…. L’anno scorso abbiamo speso $ 400.000 e quello che abbiamo fatto con $ 400.000 è stato incredibilmente sorprendente.

Knickman ha anche collaborato con il programma di sviluppo junior USA Cycling e il suo direttore, Billy Innes, per condividere corridori e costi. “Abbiamo lavorato insieme e mi sono consultato con lui, abbiamo costruito un programma e ci siamo coordinati con ciò che la squadra nazionale poteva fare e cosa potevo fare io”, ha detto Knickman. “Alcuni dei ragazzi erano nel programma Lux diretto e altri riempivano i posti nella squadra nazionale.

“Ha funzionato davvero bene. Era chiaro che era molto difficile per me potermi permettere di farlo da solo e USA Cycling non poteva farlo da solo, perché solo portare un bambino a quattro gare a tappe in Europa, che sono due blocchi da corsa , non è ancora abbastanza. In Europa, i ragazzi migliori stavano facendo almeno tre blocchi di corsa e avevano le loro squadre di club che li sostenevano.

Quindi, nel 2021, USA Cycling ha annullato il suo programma junior europeo a causa di difficoltà di budget. “Ho provato a lavorare senza USA Cycling cercando di compensare il fatto che non avevano un programma e non è stato così efficace”, ha spiegato Knickman. “Parte del problema e parte della scomparsa della squadra era che stavamo cercando di gestire due squadre [men and women] con la metà dei soldi che ci servivano per farlo. Non avevamo personale, nessuna infrastruttura. Due anni fa, i ragazzi sono stati in Europa per tre mesi e poi le donne sono andate in Europa”.

Allo stesso tempo, ha detto, anche la sponsorizzazione stava diventando più difficile. “Abbiamo avuto alcune persone che ci hanno cortocircuitato [past] anno a causa dell’economia e hanno detto che erano decisamente fuori per il prossimo anno. Dopo aver lottato finanziariamente l’anno prima, ho dovuto gettare la spugna.

Il solito infaticabile Knickman stava iniziando a esaurirsi. “Mi alzavo alle 4 del mattino in un giorno in cui lavoravo ai vigili del fuoco e facevo biglietti aerei per tre ore fino a quando non dovevo farmi vedere alle 7”, ricorda Knickman. “Tornavo nella mia stanza quando avevo finito alla fine della giornata e lavoravo sui social media. Ci stavo lavorando mentre lo ero [also dealing with my kid’s bone] cancro [treatments].

“Mi sono ritirato dai vigili del fuoco circa tre anni fa e pensavo che avrei avuto meno lavoro, ma da quando USA Cycling ha smesso di funzionare [European junior] programma ho finito per fare più lavoro. Ero solo fritto. Avevo bisogno di riprendermi la vita e non essere stressato e alzarmi fino a tardi ogni notte preoccupandomi di come far funzionare le cose.

Knickman ha detto di non avere rimpianti per come ha gestito Lux Cycling, “ma non lo farei in nessun altro modo. Una cosa che mi sono rifiutato di fare è stata dire “possiamo permetterci di andare in Europa solo per due settimane e partecipare solo a tre gare nazionali e nazionali”. Il tempo e lo sforzo che ci stavo dedicando era come se stessi creando esperienze, ma non sarò efficace nel portare nessuno di questi ragazzi in Europa [on pro teams]. Quello era il mio obiettivo, quindi o faccio tutto, in un modo che so essere efficace, o non lo faccio.

“Ero solo fritto. Avevo bisogno di riprendermi la vita e non essere stressato e alzarmi fino a tardi ogni notte preoccupandomi di come far funzionare le cose.

Per un decennio, Lux Cycling ha avuto molto successo nel portare i corridori nel gruppo professionistico europeo. Oltre a McNulty (ora con UAE Team Emirates) e Simmons (Trek-Segafredo), altri due laureati Lux fanno parte di WorldTeams—Vermaerke (Team DSM) e Sean Quinn (EF Education-EasyPost)—mentre Matthew Riccitello, Luke Lamperti, Jared Scott, Viggo Moore, Jesse Maris, Colby Simmons, Cole Kessler e Michael Garrison fanno parte delle squadre continentali e U23 in Europa. Per quanto riguarda le donne, Kaia Schmid e Makayla MacPherson corrono per Human Powered Health e Zoe Ta-Perez, Kathrine Sarkisov e Claire Windsor sono con la nuovissima squadra statunitense con sede in Europa, Cynisca Cycling.

Qual è il futuro di Roy Knickman? “A questo punto consiglierò, mi siedo e mi godo questi ragazzi in cui abbiamo avuto una piccola parte”, ha detto. “Sicuramente non pretendo di essere il ragazzo che ha creato qualcuno. L’ho considerato un aiuto per facilitare la crescita e un passo molto, molto piccolo nello sviluppo di un atleta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *